La Svolta… su Le Monde Diplomatique

di Annalisa Dordoni su Le Monde Diplomatique

Da poco presentato alla giornata degli autori al Festival di Venezia e al Milano Film Festival, questo documentario prodotto da Filmare con il contributo della Apulia Film Commission racconta il dramma delle donne dell’Ilva di Taranto, mogli e madri di lavoratori uccisi dalla mancanza di sicurezza sul posto di lavoro: una lavoratrice pesantemente mobbizzata, una donna che semplicemente abita nella zona e per l’inquinamento da metalli si sveglia una mattina paralizzata.
Valentina D’Amico attraverso interviste e immagini d’archivio mostra il lavoro in fabbrica all’Ilva nella sua spietatezza: in un primo tempo cattedrale nel deserto – che da un lato riempie di speranza gli abitanti della zona, dall’altro assume connotazioni di ricatto essendo per molti l’unica opportunità di lavoro possibile -, e poi luogo di repressione di qualsiasi richiesta di miglioramento, tanto da mantenere a lungo un reparto confino in cui lavoratori e lavoratrici accusano gravi disturbi di ansia e depressione. Per non parlare poi del territorio, un angolo di paradiso naturale sventrato e sfigurato dalla costruzione dello stabilimento e quotidianamente violentato dall’emissione di sostanze tossiche. E non si tratta di racconti che appartengono al passato, ma della storia recente di un paese che ancora ha altissime percentuali di infortuni e morti sul lavoro; un paese in cui la sicurezza, e il rispetto del territorio, in realtà sembrano non contare a fronte della sete di profitto – dei datori di lavoro – e della rincorsa al capitale – da parte dei governi – nell’ottica di una competitività che, come sempre – ma ancor di più in tempi di crisi – scarica i costi su ambiente e lavoratori invece di investire in ricerca e innovazione.
Una storia di donne e uomini che cercano giustizia, ma anche una storia paradigmatica di quella “modernizzazione senza sviluppo” tutta italiana che ci portiamo dietro dal boom economico: con maggiori garanzie normative, ma con la stessa logica al ribasso che contraddistingue il capitalismo nostrano.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...